Diario

24 novembre, 2006

Dati Eurostat

Torno sull’argomento dati eurostat: il mio commento al blog di massimo mantellini è stato forse un po’ superficiale per quanto riguarda l'uso di internet. Quei dati vanno letti anche in funzione della fruibilità, ovvero della diffusione capillare nelle case degli italiani. In realtà ancora oggi in Italia la banda larga non è fruibile da tutti , questo sicuramente influisce negativamente nel rapporto con internet, un aspetto che non avevo considerato. Leggendo un articolo di Giacomo Dotta su html.it, mi sono accorto che se da un lato "Solo 9 ultra 55enni su 100 conoscono il World Wide Web, dato paradossalmente minore rispetto al 30%, al 46% o al 56% registrato in paesi come Germania, Olanda e Svezia" dall'altro "solo 4 case su 10 sono dotate di connessione" e addirittura solo "16 su 100" di banda larga. In conclusione è vero che permane una grande diffidenza da parte di una fascia di italiani verso il web, ma è anche vero che non c'è una volontà e politica e aziendale di cambiare le cose.